Tutto ha inizio  all’ Harry’s bar di Parigi dove Harry mc Elhone, storico barman, crea per Erskine Gwynne questo cocktail a base di Bourbon Whiskey, Vermouth Dolce e Campari.  Questo cocktail viene poi consegnato alla storia grazie al libro “Barflies and Cocktail” del 1927.
Come Harry, americano espatriato in Europa durante il proibizionismo, anche Erskine era a Parigi per lavoro. Ottiene molta notorietà grazie alle sue origini, era il nipote del magnate Alfred Vanderbild, e alla creazione di un mensile di moda dal nome appunto  “Boulevardier”. Il nome Boulevardier , da boulevard, strada in francese, fu coniato durante la Belle Epoque per definire una persona “di strada” nel senso positivo del termine.

Vi è un’ evidente somiglianza con il negroni infatti due degli ingredienti sono in comune ma tra un bourbon e un gin vi sono molte differenze e ciò rende il Boulevardier differente, ricco, differente da tutto per la struttura del gusto.

Questo cocktail è ideale per la stagione invernale.

Ricetta

1 oz Bourbon Whiskey
1 oz Vermouth Dolce
1 oz Campari

Preparazione

Unire gli ingredienti e mescolare nel Mixing glass. Filtrare in un bicchiere da cocktail ghiacciato, un Old Fashioned o una coppa champagne, guarnire con scorza di limone e/o d’arancia.